Un parapetto nel paese di Gimondi

fronte palazzina parapetti

La celebrità del piccolo comune di Paladina, in provincia di Bergamo, si deve ad un suo illustre abitante: Felice Gimondi. ‘Nuvola rossa’ – così l’aveva soprannominato Gianni Brera – è stato un’icona del ciclismo italiano, un corridore dalla lunga carriera, spesse volte in lotta con il fortissimo Eddie Mercx al quale contese le maglie rosa e gialla a più riprese. Aluscalae ha conosciuto la cittadina lombarda grazie ad uno dei nostri primi progetti, realizzato su disegno del cliente, relativo ai parapetti di una graziosa bifamiliare.

Da quell’esperienza derivò il modello “Paladina”, una variante del parapetto “Marconi” che ancora oggi è di frequente selezionata per integrare nuove costruzioni e in caso di ristrutturazioni condominiali. Si tratta di un parapetto in alluminio con tamponamento perforato anodizzato, costituito da pannelli da 8 mm. L’effetto finale è quello di una semitrasparenza davvero particolare, che dona specifiche caratteristiche alla facciata degli edifici.

parapetto Paladina
Una vista d’insieme della palazzina di Paladina

Molteplici sono state da allora le installazioni del modello “Paladina”, sia in Lombardia sia nel resto d’Italia, un parapetto che come ogni prodotto Aluscalae garantisce il massimo grado di sicurezza, per potersi affacciare in tranquillità dal proprio terrazzo, magari aspettando il passaggio dei ciclisti della Granfondo Internazionale dedicata proprio a Felice Gimondi.